fbpx

NOARTE

L’associazione culturale NoArte Paese Museo – fondata nel 2005 dagli artisti Pinuccio Sciola e Mariano Corda insieme a Paolo Lusci – ha come principale obiettivo la valorizzazione del patrimonio artistico del paese museo di San Sperate e la promozione dello scambio culturale, attraverso progetti di respiro internazionale.

NoArte organizza abitualmente residenze artistiche, laboratori, esposizioni, eventi… le cui costanti sono il lavoro nello spazio pubblico con il coinvolgimento della comunità locale e con l’apporto di artisti provenienti da ogni angolo del mondo.

www.paesemuseo.com

www.sansperarte.com

Il progetto: SanSperArte paese museo Il fiume dei writers / Il muro d’Europa 2.0 / In Equilibrio Il rio Concias (o rio Flumineddu) taglia in due il centro abitato di San Sperate. Sino agli anni sessanta era un luogo di socializzazione: nelle sue acque le donne facevano il bucato e i bambini giocavano. La realizzazione dell’alveo in calcestruzzo ha generato una frattura urbana lunga un chilometro in cui l’acqua, ridotta ad un timido rigagnolo, è assente per molti mesi l’anno. L’associazione NoArte ha deciso di restituire a quello spazio la sua dimensione di luogo attraverso una sequenza di progetti di arte urbana volti alla riqualificazione, integrazione, riappropriazione. 2009 Il fiume dei writers Preceduta dall’intervento dell’artista bergamasco Paolo Baraldi che per primo ha portato il colore (bianco e nero) nel canale, la residenza artistica “Il fiume dei writers” ha coinvolto 30 giovani artisti internazionali che per 10 giorni hanno lavorato all’interno dell’alveo del rio Concias, trasformadolo completamente. 2017 Il muro d’Europa 2.0 Guidati dall’artista Gianleonardo Viglino e dal musicista Alessio Mura, 27 ragazzi (15 migranti e 12 speratini) hanno realizzato un’opera d’arte collettiva, un inno all’integrazione. Attraverso un’attività laboratoriale i loro sogni per il futuro sono stati trasformati in canzone rap e in un’installazione che ha trovato dimora nel piccolo ponte pedonale sul rio Concias che connette le due parti del paese. 2019 In Equilibrio A dieci anni di distanza dal primo intervento, i colori ormai dilavati sono stati ravvivati dai bambini di San Sperate. Centottanta studenti delle classi quarte e quinte della scuola primaria e delle classi prime della scuola secondaria hanno progettato e poi realizzato la riqualificazione dell’alveo del rio Concias. Più di duemila metri quadrati di colore rappresentano il primo passo verso la riappropriazione dello spazio pubblico da parte delle nuove generazioni.